Case history: come favorire l’internazionalizzazione delle PMI?

internazionalizzazione case-history

Strategie&Controllo: un importante ruolo di consulenza e mediazione fungendo da elemento facilitatore del processo di internazionalizzazione delle PMI

Strategie&Controllo aiuta le piccole e medie imprese a sviluppare le proprie potenzialità e a costruire la propria crescita fornendo una serie di servizi che mirano a migliorare l’organizzazione, la gestione, la comunicazione, la pianificazione strategica e il controllo di un’azienda. Ma soprattutto assiste le imprese nei nuovi mercati alla ricerca di nuove opportunità accompagnandole nei processi di internazionalizzazione.

Ma cosa fa in concreto Strategie&Controllo per favorire il processo di internazionalizzazione?

L’accompagnamento inizia normalmente con un’analisi del modello organizzativo per verificare se questo è in grado di supportare un processo di internazionalizzazione.

L’internazionalizzazione è un processo complesso che va pensato, ragionato, simulato e pianificato. Bisogna pianificare perché occorre verificare che la struttura sia in grado di affrontare un nuovo mercato, conoscere le potenzialità dell’azienda, capire se il prodotto/servizio è adatto per quel paese, stimare il tipo di investimento e il possibile ritorno.

In primis, dunque, Strategie&Controllo realizza un’analisi del business aziendale per poi dopo la definizione di un company profile effettuare una azione di scouting per ricercare il partner e/o i partner per l’azienda italiana.

Vengono compiuti uno o più viaggi per effettuare degli incontri di lavoro specifici e dedicati. In questa fase la società Strategie&Controllo svolge un importante ruolo di consulenza e mediazione, fungendo da elemento facilitatore del processo di internazionalizzazione.

Dove fare internazionalizzazione?

In questi anni prevale una scelta che tiene conto di due fattori in termini di vicinanza e sviluppo. Dall’esperienza di Strategie&Controllo si è riscontrato come il Marocco sia un paese stabile e con progetti di sviluppo molto concreti. In Marocco si arriva in meno di tre ore di volo e con meno di trecento euro di costo. Nell’ultimo anno diverse aziende italiane hanno trovato sbocchi con commesse interessanti.

I tempi da considerare sono mediamente dai 12 ai 24 mesi, in relazione al settore merceologico e alla volontà delle aziende di volere perseguire con determinazione l’obiettivo di avviare un nuovo mercato.